Disclose Top Choice

RAVELLO, LA TERRAZZA DELL’INFINITO

Per il nostro primo  numero abbiamo scelto Ravello. Un punto preciso di Ravello: La Terrazza dell’Infinito. Avete mai provato la sensazione di Infinito? Questo è il posto giusto per capire di che si tratta.

La porta è la parte più lunga di un viaggio, diceva un motto latino. E il Tempio di Cerere, nella romana Villa Cimbrone di Ravello, ne è la prova. È chiamato infatti la Porta del Sole, per lo  spettacolo mozzafiato a cui introduce. Vi si accede dopo aver attraversato il fiorito Viale dell’Immenso, che prepara i sensi alla vista della maestosa Dea della Fertilità. Cerere, all’ombra della sua cupola, sembra avere in pungo la nascita del mondo. Da questo varco si spalanca uno scenario che mina ogni umana certezza: è la Terrazza dell’Infinito. A 400 metri di altezza a picco sul Tirreno, una balconata naturale proiettata nell’azzurro più profondo, dove cielo e mare esplodono, fusi in un tempo indefinito. Un blu intenso e penetrante riempie ogni angolo, sul luccichio continuo del mare della Costiera Amalfitana.

L’Infinito per un attimo si tinge di significato nella mente, diventa tangibile. E un pensiero diventa costante, insieme a una strana sensazione di stordimento: ci si sente piccoli, piccolissimi, minuscoli, inesistenti.